Login
Register
Corsica 2010

13. riječki polumaraton

Share

Održan 13. riječki polumaraton na relaciji Korzo-Preluk-Preluk.

Share
Read More Comment (0) Hits: 2855

La storia racconta che... è andata sempre male

Share

FIUME | Oggi è in programma allo stadio Maksimir di Zagabria la partita d’andata della finale di Coppa Croazia, e per la seconda volta nella storia si affronteranno Rijeka e Dinamo. E come successo nella stagione 1993/94, la prima partita si giocherà al Maksimir di Zagabria. Ma vediamo un po’ come le due squadre sono arrivate in finale.

Share
Read More Comment (0) Hits: 2623

Rijeka-Dinamo 2:0, 13.5.2014

Share

Finale kupa, Rijeka-Dinamo 2:0
13.5.2014, Rijeka
Stadion Kantrida. Gledatelja: 10000.

Sudac: Domagoj Ljubičić (Osijek). Pomoćnici: Miro Grgić (Osijek), Goran Pataki (Đakovo).
Rijeka: Vargić, Tomečak, Mitrović, Lešković, Leovac, Močinić, Brezovec, Jugović (84. Mujanović), Kvržić, Moises (78. Zlomislić), Kramarić (90. Sharbini). Trener: Matjaž Kek.
Dinamo: Ježina, Pinto, Capan (46. Lima), Šimunić, Pivarić, Brozović, Ademi, Antolić, Soudani, Čop, Halilović. Trener: Zoran Mamić
Strijelci: 1:0 Mitrović (35.), 2:0 Kvržić (81.).
Žuti kartoni: Brezovec, Leovac (Rijeka); Šimunić, Capan, Ademi (Dinamo)

 

Share
Comment (0) Hits: 3074

Primorje prvak Hrvatske 2014!!!

Share

Primorje EB - Mladost 13-7 (2-2, 6-3, 2-2, 3-0)
Plivalište na Kantridi. Gledatelja 1.600. Suci: Mario Bianchi i Stefano Riccitelli (Italija). Delegat: Aleksandar Černi (Zagreb). Supervizor: Milivoj Bebić (Split).

Utakmica

Share
Read More Comment (0) Hits: 2921

Rijeka – Slaven Belupo 2:0, 17.5.2014

Share

Rijeka – Slaven Belupo 2:0
Stadion na Kantridi. Gledatelja: 5000.
Sudac: Igor Pristovnik (Zagreb).



RIJEKA: Prskalo, Tomečak, Mitrović, Lešković, Mujanović, Jugović (71. Ajayi), Močinić, Moises (87. Zlomislić), Sharbini, Kramarić (64. Brezovec), Krstanović.
S. BELUPO: Picak, Purić, Edson, Fuštar, Melnjak, Brlek (85. Novinić), Čanađija (58. Matoš), Glavica (67. Rak), Ozobić, Delić, Glavina.
Strijelac: 1:0 Krstanović (54.), 2:0 Krstanović (90.).
Žuti kartoni: Jugović (Rijeka), Edson (S. Belupo).

Share
Comment (0) Hits: 2786

I numeri dicono Rijeka: una stagione da ricordare

Share

Sabato scorso è finita la stagione calcistica in Croazia. Per il Rijeka è stata un’annata indimenticabile: secondo posto in campionato, vittoria in Coppa Croazia e partecipazione nella fase a gironi in Europa League. Insomma, una stagione da ricordare, di quelle che fanno storia. E anche i numeri sono dalla parte dei fiumani.

CAMPIONATO
Per il Rijeka in 36 turni sono arrivate ben 21 vittorie, che collocano i fiumani al secondo posto in questa apposita classifica dietro ai campioni della Dinamo. Il Rijeka ha perso solo cinque volte (una in più della Dinamo) ed è secondo in classifica per numero di pareggi (ben dieci, dietro a Hajduk e Slaven Belupo. I fiumani, però, vincono altre due “medaglie d’argento”. Sono infatti dietro soltanto alla Dinamo in fatto di reti segnate (72!) e di quelle subite (35). Il Rijeka ha anche la seconda migliore differenza reti, dietro ovviamente alla Dinamo. Come curiosità, soltanto l’Hajduk ha ancora una differenza reti in positivo.

Share
Read More Comment (0) Hits: 3025

Istra 1961: Obšivač lo «stakanovista»

Share

FIUME | Per l’ Istra 1961 la stagione 2013/14 è stata una nel segno della costanza, trascorsa quasi per intero nelle posizioni di metà classifica. Alla fine il sesto posto è del tutto meritato. In Coppa Croazia la squadra di Pamić ha fatto pure la propria parte, arrivando alla semifinale dove si è dovuta inchinaare al Rijeka, poi vincitore del trofeo. Vediamo un po’ la stagione dell’Istra 1961 dal punto di vista dei numeri e della statistica.

Campionato
I polesi hanno chiuso con un bilancio di 12 vittorie, 8 pareggi e ben 16 sconfitte. L’Istra 1961 ha il sesto attacco (45 gol) e la quinta difesa (56) del campionato. Anche parlando di differenza reti è sesto. Insomma, la compagine di Pamić è in tutto e per tutto da metà classifica. Le 45 reti sono stati segnate da ben 14 giocatori. Il migliore alla fine è risultato Dejan Radonjić, con 9 centri (due rigori), seguito da Slavko Blagojević (8), Petar Franjić e Sandi Križman (5). I gol segnati dagli attaccanti sono 21, 16 quelli messi a segno dai centrocampisti e 6 dai difensori. Due le autoreti e sette i rigori trasformati. Come curiosità, gli istriani hanno segnato più gol in trasferta (24) che al Drosina (21). La vittoria casalinga è il 2-0 contro lo Split nell’ultimo turno della fase autunnale, mentre in trasferta si registra il 4-0 allo Zadar del 30 novembre. La più pesante sconfitta è arrivata contro la Dinamo nel 26° (6-0).

Share
Read More Comment (0) Hits: 2778

La Nazionale nostrana una squadra da invidia

Share

Tra i due conflitti mondiali Istria, Fiume e una parte della Dalmazia sono stati parte integrante del Regno d’Italia. In quegli anni sono nati, cresciuti e si sono formati pure tanti calciatori che in seguito si sono affermati nei vari campionati italiani; alcuni hanno giocato pure nelle squadre più importanti, fino ad arrivare in nazionale. Quale sarebbe stata l’ipotetica nazionale di queste terre? Questa è la domanda che si è posto pure Luca Dibenedetto, autore di due importanti libri che hanno come protagonista il calcio delle nostre terre, “El balon fiuman quando su la tore era l’aquila” (sul calcio fiumano) e “La favola dell’Ampelea” (sulla squadra isolana).
Negli anni l’autore ha studiato con dovizia la nostra realtà calcistica e ha tentato di formare una vera e propria nazionale. Una nazionale del tutto rispettabile, che avrebbe di sicuro scombussolato non poche vere nazionali di quell’epoca. L’autore ha pubblicato di recente il libro “La Nazionale di Fiume, Istria e Dalmazia”, che ieri ha avuto la sua promozione fiumana presso la Comunità degli italiani locale. In questo libro sono state raccolte le storie di 11 calciatori, quasi tutti nazionali italiani, nati nelle varie parti dell’Istria e della Dalmazia, nati rigorosamente prima della Grande guerra. Ecco la squadra proposta.

Share
Read More Comment (0) Hits: 3031

Rijeka - Ferencvaros 1:0 (0:0) 17.7.2014

Share

Rijeka - Ferencvaros 1:0 (0:0)
Stadion na Kantridi.
Sudac: Tobias Stieler (Njemačka). Gledatelja: 9000.


RIJEKA: Vargić, Tomečak, Samardžić, Mitrović, Leovac, Brezovec, Moises, Jugović (83. Jahović), Jajalo (57. Kramarić), Sharbini (66. Kvržić 6), Krstanović.
FERENCVAROS: Dibusz, Dilaver, Nalepa (90. Busai), Mateos, Pavlović, Bošnjak, Kukuruzović, Gyombera, Havojić, Ugrai (79. Lauth), Somalia.
Strijelac: Krstanović (85.-11m).
Žuti kartoni: Mitrović, Krstanović (Rijeka), Mateos, Pavlović, Nalepa (Ferencvaros).

Share
Comment (0) Hits: 3277

Derby n. 21 in Prima Lega il primo risale a 10 anni fa

Share

FIUME | Stasera si gioca allo stadio Drosina di Pola Istra 1961-Rijeka. Vediamo un po’ cosa ci raccontano i numeri di questo derby istroquarnerino?
Sarà la partita numero 21 in Prima Lega. La prima risale al 18 settembre del 2004, proprio a Pola, e finì con uno 0-0. Era l’ottava di campionato: i fiumani erano lanciatissimi e al secondo posto, mentre i polesi erano al loro esordio nella massima divisione e stazionavano nelle zone basse della classifica. A guidare gli istriani era l’attuale allenatore, Igor Pamić; sulla panchina fiumana c’era uno dei migliori giocatori nella storia del calcio polese e l’allenatore che aveva portato la squadra a un risultato storico, la finale di Coppa Croazia nella stagione 2002/03, ovvero Elvis Scoria. E proprio il pareggio sarà il risultato più frequente sia a Pola che in generale. In totale, nel massimo campionato croato l’Istra 1961 ha vinto solo tre partite, sempre a Pola: il 22 ottobre 2005 (3-0), il 13 maggio 2010 (2-0) e il 10 maggio 2013 (1-0). Per il resto il Rijeka ha recitato la parte del leone con otto successi, mentre i pareggi sono stati nove. Nella partite disputate a Pola, il Rijeka ha vinto tre volte (le ultime due nello scorso campionato), mentre i pareggi sono stati quattro.
Le partite con il maggiore numero di gol sono coincise con due vittorie fiumane, nel 2006 e nel 2013, quando il Rijeka s’impose per 3-2. La vittoria più netta è stata quella del 22 ottobre 2005, quando all’epoca il Pula Staro Češko vinse con un secco 3-0.
Le due squadre si sono trovare di fronte una volta pure in Coppa Croazia. Nella scorsa stagione, in semifinale, il Rijeka ottenne un doppio successo (2-1 e 1-0).
Tanti i giocatori che hanno militato in entrambe le squadre, ma è soprattutto interessante la storia degli allenatori. Come non ricordare Elvis Scoria che, da tecnico del Rijeka, affrontò la squadra polese nella stagione d’esordio in Prima Lega (2004/05). In entrambe le partite finì in pareggio. Poi guidò il Rijeka anche in due derby nella stagione 2005/06 e in uno nel 2010/11 e nel 2012/13, con un bilancio di due vittorie, una sconfitta e tre pareggi. Nel ruolo opposto si trovò Nenad Gračan, allenatore del Pula nella stagione 2006/07. Due le partite contro il Rijeka. Per lui un pareggio e una sconfitta. Come curiosità, Igor Pamić non è stato mai al Rijeka, né da giocatore né da allenatore. (ik)

Share
Comment (0) Hits: 2923

Humanitarna rukometna utakmica: Zamet - Zagreb CO, 27.8.2014

Share

Humanitarna rukometna utakmica između Zameta i Zagreb CO odigrana je u korist 9-godišnjeg dječaka Deana Doknića, oboljelog od cerebralne paralize.

Share
Read More Comment (0) Hits: 3513

My articles

Thumbnail Il baseball è da sempre considerato una sorta di fratello maggiore del softball, anche se quest’ultima disciplina ha ormai una tradizione eccome consolidata. Il baseball al femminile, al pari di...

Sport

Thumbnail Održan 16. riječki polumaraton na relaciji Korzo - Kantrida - Korzo te maraton Korzo - Opatija - Korzo.
More inSport  

Putopisi

Thumbnail Brod Galeb, Titov brod je već godinama u Rijeci. Prvo u Viktor Lencu a sada već godinama u samom centru grada. Vidimo ga iz daleka, preko ograde, no kako on izgleda iz bliza. Kako je stanje na njemu i...
More inReportaža